Suen-magir

Suen-magir (…) è stato un sovrano Amorreo dell’antico periodo babilonese .

Suen-magir o Sin-magir, scritto in cuneiforme: dEN.ZU-ma-gir o dsuen-ma-gir, che significa “Sîn sostiene,” , rimase in carica negli anni che vanno da ca. il 1763 a ca what is tenderizing meat. il 1753 a. C., secondo la cronologia bassa o da ca. il 1827 a ca. il 1817 a. C., secondo la cronologia media . È stato il quattordicesimo re della prima dinastia di Isin e regnò per undici anni, sia in base alla Lista Reale Sumerica , che alla lista dei re di Ur e Isin . Successe a re Ur-du-kuga

Suoi contemporanei furono i re di Larsa. Warad-Sin e Rim-Sin, che erano entrambi figli di Kudur-Mabuk.

Il periodo del suo regno si sovrappose, per cinque anni, con quello di Warad-Sin e sei, con quello di Rim-Sin, mentre ebbe il suo corso, durante quello di Apil-Sin di Babilonia water bottle thermos.

Ci sono pervenute diverse iscrizioni, riferite a questo re, comprese quelle incise sui mattoni che guarnivano il suo palazzo e dedicate a due devoti servitori come iddin-Damu, il suo “capo costruttore,” ed Imgur-sin, il suo amministratore.

Un cono di argilla , che registra la costruzione di un magazzino, in onore della dea Aktuppītum di Kiritab, fu commissionato per lui da Nupṭuptum, che come si legge fu: sua lukur (sacerdotessa o concubina), devota compagna di viaggio, madre del suo primogenito .

Un’iscrizione segna la costruzione di un muro di difesa, chiamato Dur-Sin-Magir , “Sin-Magir fa la fondazione della casa terrena” a Dunnum, una città a nord est di Nippur.

Tuttavia, si suppone che questo re abbia perso il controllo di Nippur. La città sembra sia passata sotto la sovranità di Warad-sin di Larsa, come attestato da alcune iscrizioni, che gli furono dedicate.
Risulta infatti, che nel 1822 a. C., suo sesto anno di regno, Warad-sin : “aveva portato (quattordici statue di rame a Nippur e) tre troni ornati con oro per i templi di Inanna, Ningal e Utu“.

Larsa conservò la sovranità su Nippur, fino al 1813 a best running hydration system. C., nono anno del regno di Rim-Sin I, quando, la città ritornò sotto il controllo di Isin ad opera di Damiq-ilishu.
Uno dei coni recanti questa iscrizione è stato trovato tra le rovine del tempio di Ninurta , la é Hur-sag-Ti-la, a Babilonia. Probabilmente, già da allora highest rated water bottles, era considerato un antico reperto museale, legato al mito della Dinastia di Dunnum.
Dato che quest’ultima fu conquistata da Rim-Sin, l’anno precedente la conquista di Isin, è stato ipotizzato che il cono sia stato preso a Larsa, come bottino da Hammurabi di Babilonia .

Una tavoletta d’argilla, inerente ad alcune transazioni private, registra le vendite di un magazzino e un palmeto e reca come datazione: “anno (in cui) Sin-Magir il re (ha)scavato il canale Ninkarrak.
Un’altra tavoletta è stata trovata e recava come denominazione dell’anno: “(Sin-māgir) (ha) costruito sulla riva del canale Iturungal (il vecchio Wadi) una grande fortificazione (chiamata) Sin-Magir-Madana-dagal-dagal (Sin-Magir allarga il suo paese).

Ancora il suo nome viene indicato nelle denominazione di una provincia nel sud della Mesopotamia e una città a oriente di Babilonia, vicino Tuplias. È stato ipotizzato che la denominazione di Bīt-Sîn-māgir sia stata data in celebrazione di questo monarca.